“Sono molto felice di essere qui, non vedo l’ora di vedere voi tifosi. Forza Atalanta!”. Dopo un’ufficializzazione molto laboriosa, un parto durato due giorni dal suo approdo bergamasco mercoledì mattina, Ademola Lookman, praticamente senza allenamenti nelle gambe avendo speso le prime due giornate da nerazzurro tra visite mediche e formalità di rito, non prende comunque parte all’imminente trasferta di Valencia in occasione del trofeo Naranja (kick off al Mestalla sabato sera alle 21, partenza oggi da Orio al Serio). Ma forse la vera notizia è che, trascinandosi per le lunghe la corte del Sassuolo come in precedenza quella del Monza, nonostante le smentite a mezza bocca del CEO Luca Percassi non è affatto lunga la distanza che separa la telenovela estiva Andrea Pinamonti dal Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia.

Si lavora sempre sulla formula, ma la realtà è che il giocatore di proprietà dell’Inter, ricompra a parte, ha sempre e solo voluto Bergamo. Il club sta alla finestra e prova a piazzare il colpo, foss’anche in chiusura di calciomercato. Intanto, in bilico Remo Freuler col Nottingham Forest neopromosso in Premier League pronto a stringere i tempi, benché l’obbligo di riscatto in caso di salvezza non convinca il front office, l’attacco si sfronda col 2003 Moustapha Cisse (appetito in prima battuta dal Cagliari, quindi dal Modena) che va al Pisa con diritto di opzione e contro-opzione. Giusto ieri la sistemazione all’Empoli dell’ala del 2000 Nicolò Cambiaghi, che potrebbe essere seguito a brevissimo, ma non con la formula del semplice prestito secco, dall’altro esubero di reparto Sam Lammers.