Quattro finalisti nelle competizioni dei Due Mondi. A Rafael Toloi e Matteo Pessina, stanotte, pur senza giocare, anzi nel primo caso senza nemmeno accomodarsi in panchina, dei giocatori dell’Atalanta impegnati nelle rassegne internazionali che contano si sono aggiunti Cristian Romero e il neo acquisto Juan Musso. Dopo la pennellata di Azzurro a Euro 2020, i rigori di Brasilia nella maratona iniziata alle tre del mattino (ora italiana) hanno sorriso all’Argentina sbattendo la porta in faccia della finale di Copa America col Brasile (sabato a Rio, domenica alle 2 sul fuso di Roma) alla Colombia di Duvan Zapata e Luis Muriel.

4-3 dal dischetto, 1-1 ai tempi regolamentari: niente supplementari nella manifestazione sudamericana. Sfida risolta dal titolare tra i pali della Selecciòn dell’ex bergamasco Lionel Scaloni, Emiliano Martinez. Schierato davanti con Rafael Borré a dal secondo tempo con Cardona, a differenza di un Ronaldito rimasto sempre a guardare seduto fra le riserve, il Toro di Cali s’è ridotto a qualche sporadica sgroppata, un tiro deviato in corner e un altro paio stoppati dalla difesa albiceleste, prima di uscire al 16′ della ripresa a favore di Miguel Borja. Al 6′ Lo Celso-Messi e scarico per Lautaro: Albiceleste avanti. All’8′ Martinez nega il pari a Cuadrado a rimorchio di Luis Diaz, prima di essere travolto proprio da Duvan sul filtrante dello juventino. Tra 37′ e 38′ il palo di Barrios da fuori con Lo Celso a deviare la traiettoria e la zuccata di Mina sulla traversa accarezzata dal corner susseguente.

Al rientro dal tunnel, destro e sinistro murati di Zapata (8′), l’1-1 di Luis Diaz a cronometro raddoppiato battendo in velocità Pezzella, il clamoroso errore dell’interista (28′), lanciato in contropiede da Di Maria con Ospina fuori dai pali e respinta di Barrios a gambe distese, e infine il palo pieno di Messi, servito dalla controsterzata del Fideo. La sequenza dei rigori: Cuadrado (C) gol, Messi (A) gol, D. Sanchez (C) parato, De Paul (A) alto, Mina (C) parato, Paredes (A) gol, Borja (C) gol, Lautaro (A) gol, Cardona (C) parato.