Il libro. Prima, durante e dopo, come si canta allo stadio di Bergamo, in quell’angolo di paradiso che è la curva nord atalantina. Improvvisamente diventato blogger di culto durante la drammatica e surreale esperienza del coronovirus in Lombardia, Matteo Bonfanti racconta la sua gente con dolcezza e ironia, il suo popolo com’era, com’è e come sarà ora che pare finito il tragico ciclone che ha devastato le saldissime certezze di un intero territorio. Centotrenta articoli, dieci anni di vita, piccole e divertenti storie di donne e di uomini tra mille grandezze e altrettante miserie. Dai pezzi che hanno avuto milioni di letture in tutta Italia, a quelli inediti, scritti sul cellulare guardando solo soletto i tramonti sul fiume Adda, sipario su un autore che passa gran parte della sua vita indossando la vestaglietta di sua mamma, celeste e in acrilico infiammabile cinese, recentemente definita obbrobriosa da due poliziotti. Ridendo, spesso a crepapelle, ecco le esistenze di tre generazioni, quella di Matteo, confusa e felice, che si sente perennemente giovane, anche ora, passati i quarant’anni, quella dei suoi figli, ormai adolescenti, dolci e casinisti, cresciuti tra centinaia di culture, e quella dei suoi genitori, sessantottini che non si arrendono mai tra lunghissime partite a carte e discutibili impegni politici (persino per salvare le nutrie arrivate dal Sud Anerica o la rana bufo bufo…). Tanti pensieri, rimasterizzati per l’occasione, come fossero canzoni, una sorta di Best Of, per far ridere e per far piangere le meravigliose persone che stanno a Bergamo e a Lecco, “il Vestaglietta e il figlio del figlio del figlio dei fiori” è da comperare.

L’autore. Cronista sportivo, giornalista professionista dal 2003, direttore da dieci anni di Bergamo & Sport dopo essere stato il caporedattore del quotidiano Il Giornale di Bergamo, Matteo Bonfanti nel suo blog parla raramente di calcio, la sua grande passione insieme ai miracoli veri e presunti che accadono in Lombardia. Grafomane, è alla sua terza fatica letteraria dopo L’ultima notte in redazione e Piccole e bellissime storie di grandi attaccanti. In questi anni ha collaborato con la Gazzetta di Lecco, Tele Unica, il Giornale di Lecco, Bergamonews, l’Italiano, Libero e la Gazzetta dello Sport. Autore di testi teatrali, più che altro per compagnie sconosciute, è anche cantautore, leader de I Maledetti, gruppo che fa brutta e sdolcinata musica per far limonare donne e uomini anziani nei peggiori bar del circondario.

La distribuzione. Il libro di Matteo Bonfanti, con la copertina disegnata dalla famosa illustratrice Priscilla Bei, sarà venduto in tutte le edicole di Bergamo e di Lecco al prezzo di 14,50 euro a partire dai primi giorni di ottobre. Chi lo vorrà, potrà acquistarlo in libreria allo stesso prezzo. Il nostro giornale, Bergamo & Sport, che è l’editore della pubblicazione, dà anche la possibilità di riceverlo direttamente a casa nel giorno dell’uscita al prezzo scontato di 13 euro, prenotando la propria copia già da ora.

Come averlo comodamente a casa. Come detto, puoi avere il Vestaglietta a domicilio già il giorno dell’uscita. Ecco come devi fare: fai il bonifico di 13 euro a Bergamo & Sport Soc. Coop. ( Codice iban: IT70C0503411112000000010862). Metti la causale: acquisto libro “Il Vestaglietta”. Invia i tuoi dati (nome, cognome, telefono, codice fiscale, indirizzo di spedizione) e la distinta del bonifico all’indirizzo ilvestaglietta@gmail.com