Dei nazionali dell’Atalanta ce n’è qualcuno che dopo le canoniche tre settimane di vacanze si ripresenterà a Zingonia con qualcosa in mano. Precisamente la Copa America, finita all’Argentina di Cristian Romero, titolare al Maracanà stanotte nella finalissima col Brasile risolta dopo 22 minuti dal pallonetto di Angel Di Maria (su lancio di Rodrigo De Paul, quello troppo caro per i nerazzurri ( e uscito al 79′ a favore dell’altro “italiano” German Pezzella, e del portiere Juan Musso, fin qui unico acquisto del calciomercato estivo. Presente con Uruguay e Paraguay in precedenza e fermato da acciacchi con Bolivia, Ecuador (quarto di finale) e Colombia (semifinale, vinta ai rigori), El Cuti a differenza dell’ex Udinese da zero minuti, in tribuna all’atto conclusivo, ha almeno lasciato il segno.

ARGENTINA (4-3-3): Martinez, Montiel, Romero (79′ Pezzella), Otamendi, Acuna; De Paul, Paredes (54′ Guido Rodriguez), Lo Celso (63′ Tagliafico); Messi, Lautaro Martinez (79′ Nico Gonzalez), Di Maria (79′ Palacios). A disposizione: Marchesin, Armani, Tagliafico, Lisandro Martinez, Molina, Pezzella, Guido Rodriguez, Palacios, Gomez, Correa, Aguer, Nico Gonazalez. Allenatore: Scaloni.
BRASILE (4-2-3-1): Ederson; Danilo, Marquinhos, Thiago Silva, Renan Lodi (76′ Emerson Royal); Casemiro, Fred (46′ Firmino); Everton Ribeiro (63′ Vinicius), Paquetà (76′ Gabriel Barbosa), Richarlison; Neymar. A disposizione: Weverton, Alisson, Emerson Royal, Militao, Alex Sandro, Ortiz, Fabinho, Douglas Luiz, Vinicius, Gabriel Barbosa, Firmino. Allenatore: Tite.
RETE: 22′ Di Maria (A).
AMMONIZIONI: Fred, Renan Lodi, Paquetà, Marquinhos (B), Paredes, Lo Celso, De Paul, Otamendi, Montiel (A).

Assist in extremis per il gol vittoria del doppiettista Luis Diaz sotto l’incrocio, invece, per il neo entrato (93′) Luis Muriel in Colombia-Perù 3-2 il giorno prima a Brasilia con Duvan Zapata nuovamente a secco come il compagno, sostituito da Borja al decimo della ripresa. Medaglia di bronzo per lo spremutissimo duo dell’attacco nerazzurro, quindicesimo titolo per l’Albiceleste dell’ex Lionel Scaloni e dell’altro panchinaro Papu Gomez a secco da 28 anni dall’edizione ecuadoriana.

COLOMBIA – PERÙ 3-2
Colombia (4-4-1-1): Vargas, Medina, Mina (55’ Sanchez), Murillo, Tesillo; Cuadrado, Barrios (93’ Muriel), Cuellar (83’ Borre), Diaz; Cardona (46’ Chara); Zapata (55’ Borja). A disp.: Ospina, Quintana, Cuesta, Lucumi, Morelos, Perez, Perlaza. CT: Rueda.
Perù (4-2-3-1): Gallese, Corzo (78’ Lora), Santamaria, Callens, Lopez; Tapia (24’ Cartagena), Yotun; Pena (78’ Ormeno), Cueva (69’ Garcia), Carrillo; Lapadula. A disp.: Caceda, Carvallo, Abram, Araujo, Garces, Ramos, Trauco, Valera. CT: Gareca.
Arbitro: Claus (BRA).
RETI: 45’ Yotun (P), 48’ Cuadrado (C), 66’ Diaz (C), 82’ Lapadula (P), 94’ Diaz (C).
Ammoniti: Cardona, Barrios, Murillo (C); Cueva, Carrillo (P)